Il buio all’orizzonte: il rapporto Censis. Le sfide per un nuovo fronte progressista veneto.

Sharing is caring!

Il rapporto Censis di quest’anno (www.censis.it) è particolarmente significativo: emerge l’immagine di un paese in cui rancore e paura, incertezza sul futuro e sfiducia nel progresso si mescolano tra loro generando nelle comunità un clima pessimo. I movimenti collettivi e le rappresentanze sociali sono statisostituiti da una parcellizzazione individualista, generando  una società atomizzata in cui le strutture sociali, il sostegno che si poteva ritrovare nei sistemi di welfare locale, nel mondo del volontariato sociale, dell’associazionismo solidaristico stentano a trovare riferimenti stabili, progetti di governo che inducano alla fiducia nel futuro, alla disponibilità di mettersi in “gioco”. Dalle città, passando per le regioni fino al governo centrale. Senza grandi distinzioni. Di ruolo o di competenza.

Nella seconda metà del 2018 si sono inseriti ulteriori fattori di preoccupazione: il ciclo economico che sembra volgere al negativo senza che si vedano azioni concrete di contrasto e di rilancio, i sistemi pubblici in generale che non sembrano reggere la sfida dei tempi. A partire dalla scuola, dalle ulteriori difficoltà che la travolgente innovazione tecnologica trainata da Industria 4.0 sta creando con un gap formativo che genera inquietudine.

Il Veneto, in questo contesto, non sfugge alle medesime tendenze ma con alcune particolarità che non possiamo dimenticare. Secondo le indagini Ocse sul benessere regionale il Veneto è in buona compagnia per valori su dieci assi che misurano la qualità della vita: la regione di Vienna, la regione di Parigi, la Catalogna e Barcellona. Insomma non sembriamo essere messi così male. L’analisi è ovviamente una semplificazione, costruita intorno a 10 grandi indicatori che toccano la salute, la sicurezza, l’istruzione, i servizi, il reddito. Troviamo in generale indicatori che danno il senso di una solidità di fondo ma che evidenziano, analizzando con più attenzione, alcune aree estremamente critiche: innanzitutto l’ambiente, la vera emergenza che riguarda la nostra regione. L’inquinamento dell’aria è tra i peggiori al mondo, una larga fascia della nostra provincia ha acqua contaminata, i sistemi di mobilità sono tradizionali e spesso vetusti, non esiste una pianificazione per la conversione verso produzione di energia rinnovabile. E se questa è la prima grande priorità, anche i processi formativi ed il reddito, se paragonato alle altre grandi regioni europee, mostrano dei segnali di attenzione che non dovremmo trascurare. In particolare la formazione che tocca direttamente il futuro delle giovani generazioni.

Sul Veneto fa fatta poi un’ulteriore riflessione, sulla possibilità reale di incidere sulla qualità della vita di milioni di persone: per il nostro sviluppo è fondamentale ripensare l’assetto di gestione del territorio.

Oggi il Veneto ha un grande corpo centrale metropolitano, un quadrilatero con ai vertici Vicenza, Padova, Treviso e Venezia. Una grande area con più di due milioni di abitanti in cui si stanno concentrando i servizi, la formazione universitaria, i centri di ricerca. Una grande area metropolitana che non ha alcuno strumento di governo: non una logica di mobilità comune, nessuna condivisione di pianificazione territoriale, nessun progetto culturale e formativo che varchi i confini delle province napoleoniche dentro cui siamo ancora imprigionati. La Regione, completamente assente, non ha capito che il Veneto metropolitano ha un potenziale di sviluppo straordinario, imperniato su due grandi università a Padova e Venezia, centri di ricerca, società di servizi. Lo hanno capito gli imprenditori che hanno dimostrato interesse me senza governo del sistema lo svilupoo è più difficile.

Intorno al Veneto metropolitano si è sviluppato, nella fascia pedemontana, uno straordinario distretto manifatturiero di classe mondiale. Su questo doppio asse le città e la regione devono investire: eccellenza di servizi, formazione e ricerca intorno ai centri urbani, manifattura di altissimo livello nella fascia pedemontana.

Con un unico, insuperabile, vincolo: la tutela dall’ambiente che passa non solo dal rispetto integrale degli ecosistemi ma anche dalla riconversione delle aree industriali abbandonate, dalla riduzione della cementificazione che va oltre l’assenza di consumo di suolo ma impone di ripensare completamente la pianificazione urbanistica regionale.

E’ possibile rilanciare un modello di sviluppo per la nostra regione che guardi avanti per almeno i prossimi 20 anni? E’ possibile, attorno ad alcuni grandi assi: il governo dello sviluppo dell’area metropolitana centrale e dell’area manifatturiera pedemontana, il ripensamento del sistema formativo che diventi strumento costante attraverso cui bilanciare innovazione e competenze personali, un sistema di Welfare imperniato sul Reddito di Inclusione (REI) che deve diventare ponte tra uno stato di disoccupazione, un percorso formativo e una nuova occupazione, il coordinamento dello sviluppo universitario e la crescita dei centri per il trasferimento tecnologico in grado di generare innovazione e occupazione giovanile, un fortissimo piano di investimento sulle periferie delle città, trascurate e abbandonate in modo inaccettabile.

Tutto questo passa anche attraverso l’autonomia. Tante chiacchiere e pochi fatti. Non possiamo più aspettare.

27 Comments on “Il buio all’orizzonte: il rapporto Censis. Le sfide per un nuovo fronte progressista veneto.”

  1. Hmm it appears like your blog ate my first comment (it was extremely long) so I guess I’ll just sum it up what
    I had written and say, I’m thoroughly enjoying your blog.
    I as well am an aspiring blog blogger but I’m still new to everything.
    Do you have any suggestions for inexperienced blog writers?
    I’d certainly appreciate it.

  2. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add
    to my blog that automatically tweet my newest twitter updates.
    I’ve been looking for a plug-in like this for quite some time and was hoping maybe
    you would have some experience with something
    like this. Please let me know if you run into anything.
    I truly enjoy reading your blog and I look forward
    to your new updates. adreamoftrains best web hosting 2020

  3. Just wish to say your article is as astonishing.

    The clarity to your put up is simply cool and that i can assume you are an expert on this subject.
    Well with your permission allow me to grasp your RSS feed to stay updated
    with coming near near post. Thanks a million and please carry on the
    gratifying work.

  4. Does your blog have a contact page? I’m having a tough time locating it but, I’d like to shoot you an email.
    I’ve got some ideas for your blog you might be interested
    in hearing. Either way, great blog and I look forward to seeing
    it develop over time.

  5. Thanks for every other magnificent article. The place else could
    anyone get that type of info in such an ideal means of
    writing? I’ve a presentation next week, and I’m at the look for
    such information.

  6. I am curious to find out what blog platform you are using?
    I’m having some minor security problems with my latest
    website and I would like to find something more safeguarded.
    Do you have any suggestions? 2CSYEon cheap flights

  7. These are in fact wonderful ideas in concerning blogging.
    You have touched some good things here. Any way keep up wrinting.
    y2yxvvfw cheap flights

  8. Your style is really unique in comparison to other
    folks I’ve read stuff from. Many thanks for posting when you’ve got the opportunity,
    Guess I’ll just book mark this site.

  9. Hello! I simply would like to give you a big thumbs up for the great information you have got right here on this post.
    I’ll be returning to your website for more soon. cheap flights 34pIoq5

  10. These are in fact fantastic ideas in about blogging.
    You have touched some good things here. Any way keep up wrinting.
    cheap flights 2CSYEon

  11. Good site you’ve got here.. It’s hard to find good quality writing like yours these days.
    I really appreciate individuals like you!
    Take care!!

  12. I don’t even know how I ended up here, however I assumed this submit used to be good.
    I do not recognize who you are but certainly you’re going to a famous
    blogger in case you are not already. Cheers! cheap flights 3gqLYTc

  13. Its like you read my thoughts! You seem to grasp so much about
    this, like you wrote the e book in it or something.
    I think that you could do with some p.c. to pressure the
    message home a little bit, however instead of that,
    this is fantastic blog. An excellent read. I will certainly be back.

  14. I’m not that much of a internet reader to be honest but your sites really nice, keep it up!
    I’ll go ahead and bookmark your site to come back in the
    future. All the best

  15. Thanks a lot for sharing this with all people you actually recognise what
    you’re talking approximately! Bookmarked. Kindly additionally talk over with
    my site =). We will have a link change contract among us

  16. If you are going for most excellent contents like me, simply
    go to see this web page all the time for the reason that it provides quality contents, thanks

  17. Hello! I know this is kind of off topic but I was wondering
    if you knew where I could locate a captcha plugin for my
    comment form? I’m using the same blog platform as yours and I’m having trouble finding one?

    Thanks a lot!

  18. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to make
    your point. You definitely know what youre talking about, why throw
    away your intelligence on just posting videos to your site when you could be giving us something enlightening to read?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.